Cerca

20
NOV
2018

Tendenze

Tendenze PE 2020: il racconto dell'evento

La presentazione dedicata al tema Music Menu

 

La presentazione di Tendenze 

Lo scorso 8 novembre si è svolta la presentazione delle Tendenze Milano Unica per la Primavera-Estate 2020. L’evento si è tenuto per la prima volta nella nuova cornice della Fabbrica Orobia, situata in una zona di Milano – a sud del centro cittadino – che sta vivendo recentemente una forte personalizzazione verso l’arte e l’innovazione. 

Un cambio di location che, oltre a celebrare la tradizione manifatturiera del settore tessile – gli spazi della Fabbrica portano chiaramente i segni del suo passato industriale –, ha permesso la realizzazione di un allestimento innovativo e coinvolgente con la creazione di ambienti fortemente personalizzati, vere e proprie “isole temporali” in cui è stato possibile immergersi nel mood, nella musica e nelle suggestioni delle epoche a cui ciascun tema è dedicato. 

 

 

 

Guarda lo Short Movie Tendenze Milano Unica P/E 2020

 

Sfoglia la Gallery

 

Un evento per tutti i professionisti della moda

Grande la partecipazione da parte del pubblico, costituito in larga parte dagli espositori, che traggono dalla presentazione gli stimoli per le loro creazioni che saranno poi esposte a Milano Unica il prossimo febbraio, ma anche da giornalisti e professionisti della moda, che trovano negli allestimenti e nei video di Tendenze importanti spunti di riflessione. La presentazione di Tendenze Milano Unica è un momento atteso e frequentato, da qualche anno a questa parte, anche dagli studenti di moda: per loro, in particolare, la visita all’evento significa poter entrare in contatto con ispirazioni e spunti innovativi e poter vivere da dentro le fasi attraverso cui le collezioni moda prendono vita. 
 

Music Menu: il tema e il Trend Book

Il tema proposto per la Primavera-Estate 2020 – definita dalla Commissione Stile come “la più spensierata dell’anno” – si concentra sull’incontro tra musica e cibo. Una commistione di ritmo e gusto, ma anche l’incontro delle culture e delle estetiche che a ciascuno dei generi musicali e delle pietanze scelte si accompagnano. Il rap, simbolico degli anni ‘80 e della cultura giovanile, incontra il cous cous, piatto principe della tradizione nordafricana. Nel secondo tema, il funky degli anni ‘70 è accostato creativamente al tabbouleh, che contraddistingue fortemente il medio oriente. Infine il jazz anni ‘50, patinato ed elegante, trova il suo parallelo nella pasticceria più raffinata e glamour, fatta di bon bon e dolci glassati. 

Ciascun genere si lega ad un suo decennio ideale, quello in cui ha vissuto il suo maggiore splendore, e naturalmente le proposte creative e tessili ne portano le tracce. Ma la sfida della Commissione Stile non è soltanto quella di rievocare stili e suggestioni del passato, ma anche di proiettare ciascuno di questi decenni novecenteschi nel XXI secolo, immaginando musica, stile e moda dei prossimi anni ‘50, ‘70 e ‘80.  

I tre percorsi tematici tra musica e cibo si trovano descritti nel dettaglio all’interno del Trend Book, la prestigiosa pubblicazione che Milano Unica dedica a ogni edizione di Tendenze e che raccoglie gli spunti tematici, le suggestioni e tutte le proposte per ispirare le prossime collezioni.   

 

La sostenibilità

Un importante filo conduttore continua a intrecciarsi in tutte le suggestioni presentate da Tendenze: l’attenzione alla sostenibilità. In tutte le proposte di Music Menu sono presenti fibre naturali e tessuti bio, materie prime provenienti da riciclo e una generale attenzione a una produzione rispettosa dell’ambiente, a riprova dell’attenzione che Milano Unica continua a riservare a questo importante tema. Per la prima volta nella presentazione delle Tendenze, inoltre, l’evento dell’8 novembre ha presentato non solo il video emozionale dedicato ai tre temi di Music Menu, ma anche un video incentrato sul valore e l’importanza della sostenibilità per il settore tessile e per l’industria della moda. Un’attenzione che ritroveremo anche nell’Area Tendenze della 28^ edizione di Milano Unica, con un’innovativa installazione dedicata proprio alla sostenibilità.

 

2080 Cous Cous Rap

Il genere musicale che ha segnato gli anni '80, il linguaggio giovanile per eccellenza, incontra la ricchezza di uno dei piatti più amati del nordafrica. Lo Street Style colorato ed esuberante dei rapper si contamina con i colori e i profumi del Maghreb dando vita a codici stilistici in cui la parola d'ordine è over: la ricerca dell’eccesso nei colori, nelle decorazioni, nelle misure. 
Dal punto di vista delle proposte tessili e accessori, spiccano nuance rivoluzionarie, texture eccentriche e contaminazioni elettroniche, insieme a forti contrasti di colori e materiali, decori di ispirazione nordafricana e incontri creativi tra la forza graffiante dei murales suburbani e la grazia della scrittura araba. Costante l’attenzione alla sostenibilità, con materiali naturali che si connettono a fibre sintetiche riciclate.

 

Sfoglia la gallery

 

2070 Funky Tabbouleh

Basta dire funky per evocare in un istante il mondo dei club degli anni '70 e le luci scintillanti delle piste in cui risuonavano Donna Summer e Barry White. Un'ambientazione che si ritrova proiettata nello scenario lussureggiante e raffinato ispirato dalla tradizione culinaria libanese, di cui il tabbouleh è il simbolo principale. Dal punto di vista stilistico, l'immaginario "jungle" della ricetta mediorientale sposa il ritmo sensuale e coinvolgente della musica disco, creando un'alternanza di atmosfere paradisiache e situazioni club. 
Tonalità squillanti, tessuti leggeri ma preziosi, filati luminescenti e tecnici perfetti per la pista da ballo sono le suggestioni tessili e materiche protagoniste per questo tema, insieme a forme ondulate e sinuose, stampe tridimensionali, dettagli laccati e multicolori all’insegna dell’eccesso sensoriale. 

 

Sfoglia la gallery

 

2050 Bon Bon Jazz

Per questo tema la Commissione Stile ha immaginato un jazz club senza tempo, un ambiente sofisticato e sexy in cui ogni elemento emana charme e raffinatezza. Uno stile che trova la sua perfetta rappresentazione nella patinata eleganza dell'alta pasticceria: le creme, le glasse e le delicate forme dei bon bon si intrecciano con le melodie burrose e sensuali dei crooner '50, creando uno stile glamour e di classe, ma sempre con un tocco di ironia. 
Spicca per il tema 2050 Bon Bon Jazz una cartella colori dominata da toni soffici e pastello, texture cremose e tessuti preziosi e sofisticati. Gli accessori, ispirati ai deliziosi prodotti di pasticceria, si distinguono per allacciature floreali, fiocchi e dettagli leziosi, bottoni gioiello e ricchi ricami.

 

Sfoglia la gallery

 

Grazie a tutti gli espositori, buyers, fashion designer, giornalisti e studenti che hanno partecipato alla presentazione delle Tendenze P/E 2020. Il prossimo appuntamento è dal 5 al 7 febbraio 2019 con la 28^ edizione di Milano Unica, in cui nell’Area Tendenze potremo scoprire le proposte che gli espositori avranno elaborato ispirandosi a Music Menu. 

previous

MUSICA E FOOD NELLE TENDENZE MILANO UNICA